Scolare e scolari regalano «momenti magici»

Immagine 5Quando la fantasia prende forma, quando si progetta e realizza qualcosa, quando si dà forma a un'idea con le proprie mani; questi sono momenti magici

Questi i sentimenti, immagini e parole dell'iniziativa degli insegnanti di attività tessile e manuale della Svizzera orientale rivolta alla popolazione. Il progetto ha portato alla distribuzione di una miriade di stelle preparate dalle scolare e dagli scolari con l'aiuto dei propri docenti e di alcuni genitori.

Leggere per cambiare il mondo

anna lavatelli277Gli allievi di quinta e sesta classe elementare di Lostallo e di Cama hanno avuto il piacere e il privilegio di incontrare la scrittrice per ragazzi Anna Lavatelli. Per gli scolari è stato un incontro ricco di spunti ed emozioni, questa è almeno l'impressione che si ricava leggendo i loro testi. L'appuntamento è stato organizzato da leggere GR, Media e Ragazzi Grigioni tramite la signora Assunta Mantovani.

Cosa farò da grande?

giornalino277La redazione del giornalino invita gli insegnanti delle scuole dell'infanzia ed elementari del Grigioni italiano a partecipare con disegni o racconti alla realizzazione della pubblicazione scolastica.

«Mondo Nostro», la pubblicazione della Pro Grigioni italiano dedicata agli allievi della scuola dell'infanzia ed elementare, si concentrerà quest'anno sui sogni dei bambini che vorrebbero forse essere già adulti e recarsi, come mamma e papà, in ufficio, sul cantiere, in cucina o all'aria aperta in campagna.

A Thusis, tra fuoco e acqua

scuola lostallo277Le quinte e seste classi elementari del cantone dei Grigioni sono state invitate dall'Assicurazione fabbricati dei Grigioni a una giornata di escursione a Thusis. Presso il nuovo centro di addestramento dei pompieri nella Domigliasca, gli scolari sono stati confrontati con i due elementi fuoco e acqua.

Anche gli allievi del Grigioni italiano hanno aderito all'iniziativa. Lunedì, 10 settembre, è stato il turno delle classi di Lostallo, Poschiavo e Mesocco. Ecco il racconto in un'esperienza davvero particolare da parte del collega Lino Succetti.

Un'esperienza importante per crescere

impastare277Come impara un bambino? Lo fa utilizzando tutti i sensi, a differenza di noi adulti che ci informiamo quasi esclusivamente attraverso la vista, ossia leggendo o guardando la TV.

Invece, il bambino impara a conoscere il mondo che lo circonda soprattutto con il tatto, il gusto e l'olfatto. Quando era ancora un bebè, si portava il cibo in bocca con le mani, ci giocava per indagare la sua consistenza.