A caccia del tesoro con un fantasmino

Immagine 6L'Ufficio federale di topografia swisstopo lancia un gioco online per allievi di età compresa tra i 10 e i 13 anni. In palio, per tutte le classi che concludono la ricerca e trovano il tesoro, un set di carte della propria regione e tre premi principali estratti a sorte.

La partecipazione alla caccia al tesoro è gratuita. L'unica condizione per prendere parte all'iniziativa di swisstopo è l'iscrizione sul sito www.mappa-tesoro.ch da parte dell'insegnante. Dopo le istruzioni del docente, gli allievi si possono lanciare individualmente o in piccoli gruppi lungo il percorso che si sviluppa in undici tappe, ciascuna delle quali nasconde l'indizio per raggiungere la successiva.

Quale scuola mette le ali all'apprendimento?

einstein277Con il Premio scolastico svizzero, l'associazione Forum Bildung intende promuovere le innovazione pedagogiche e premiare quelle scuole capaci di accettare le sfide dei nostri tempi e di risvegliare il piacere di apprendere negli allievi.

Le scuole di tutta la Svizzera, almeno quelle iscritte al concorso, brilleranno più che mai in maggio. L'odore d'aria stantia, di polvere, di antiquati metodi d'insegnamento sarà spazzata da una ventata di ardore pedagogico e di voglia di primeggiare. In maggio sarà infatti il momento della valutazione della giuria che premierà la scuola migliore del paese. In palio, 80 000 franchi per la prima, 25 000 per altre quattro sedi.

Io e la pallavolo

luganopallavolo277La Federazione Regionale Ticinese di Pallavolo invita gli allievi delle scuole elementari della Svizzera italiana a partecipare a un concorso di disegno. In palio, la possibilità di conoscere e accompagnare i giocatori della Pallavolo Lugano e Groningen, squadra olandese, prima della partita di Coppa europa a Bellinzona.

La bandiera della democrazia

88938197-8862186Di bandiere ce ne sono a migliaia. Ci sono quelle nazionali, quelle internazionali, quelle della banda di paese e dell'associazione sportiva. Tuttavia, non è ancora stata ideata una bandiera fondamentale: quella della democrazia.

Ecco perché un gruppo di donne giornaliste di lunga data – Carla Ferrari, Annet Gosztonyi, Rosmarie Waldner e Myrtha Welti (giurista) – hanno indetto un concorso per la 4a, 5a e 6a classe elementare delle quattro regioni linguistiche della Svizzera.

«Assieme a 100 classi di tutte le regioni della Svizzera vorremmo colmare questa lacuna. Proprio ora, quando in molti Paesi lo sviluppo democratico ha ripreso vigore e si sta creando una nuova società civile, ci sembra importante, nell'ambito di un dialogo nazionale e internazionale, sviluppare simboli democratici, con i quali alimentare il dialogo sui valori fondamentali della democrazia», scrivono le promotrici dell'iniziativa.