Vento di fronda per il piano di studio 21

on .

piano studio 21La fase di consultazione avviata in giugno si è conclusa lo scorso dicembre. All'indirizzo della Conferenza dei direttori cantonali dell'educazione della Svizzera tedesca sono state inviate numerose prese di posizione. Ora, il piano di sudio 21 andrà rivisto: i tempi si prospettano lunghi.

Oltre ai 21 cantoni interessati da questo nuovo programma di studio unificato, anche molte organizzazioni e associazioni degli insegnanti hanno espresso la loro opinione riguardo al Lehrplan 21.

La prossima primavera verrà presentato il rapporto di valutazione che riunirà le proposte di modifica scaturite dalla consultazione. In autunno, invece, la Conferenza dei direttori cantonali dell'educazione della Svizzera tedesca (D-EDK) dovrebbe presentare la versione definitiva del nuovo piano di studio. Infine spetterà ai singoli cantoni definire la tabellina di marcia per quanto riguarda l'introduzione del piano. (Ascolta Christian Amsler, presidente dell'D-EDK ai microfoni della RSI; dal minuto 8).

Quali aspetti principali sono scaturiti dalla consultazione? Il piano di studio consta di 500 pagine e descrive circa 4500 competenze. Molti hanno criticato l'ampiezza assunta dal nuovo programma, la cui complessità metterebbe in difficoltà direzioni scolastiche, insegnanti e allievi. Si chiede quindi una riduzione dei suoi contenuti per facilitarne la lettura.

Anche le competenze minime sono criticate. Troppo elevate per gli allievi con difficoltà di apprendimento, sostengono gli insegnanti. Troppo basse per accedere al mondo del lavoro, dice invece economiesuisse, la federazione delle imprese svizzere.

Unanime approvazione trova invece il modello di insegnamento basato sulle competenze. Qualcuno lo ha definito un cambiamento di paradigma, ma la pedagogia attuale si orienta già a questo tipo di insegnamento.
(fonte: Neue Zürcher Zeitung)


Link
Piano di studio 21
Conferenza dei direttori cantonali dell'educazione della Svizzera tedesca
Christian Amsler ai microfoni della RSI (dal minuto 8 circa)