La digitalizzazione e i giovani

on .

Group of Friends with Tablet PCQuale impatto avrà la trasformazione digitale sui bambini e sui giovani? È questo l'argomento a cui si dedicherà la Commissione federale per l'infanzia e la gioventù nei prossimi anni. Un nuovo sito internet facilita intanto l'accesso alle conoscenze specialistiche sui temi legati alla gioventù.

Tutti parlano di «4a rivoluzione industriale» o di «trasformazione digitale». Alcuni accennano a scenari catastrofici che vanno da una massiccia perdita di impieghi alla maggiore precarizzazione delle condizioni di lavoro fino a un'acuta mancanza di competenze tecniche e informatiche. Altri, invece, promettono orizzonti allettanti, considerando che le nuove tecnologie risolveranno i problemi di mobilità o faciliteranno notevolmente la conciliabilità tra famiglia e lavoro.

Ma qual è l'impatto della trasformazione digitale sui bambini e sui giovani? Quali competenze devono acquisire per entrare nel mondo del lavoro di domani? Come e dove le acquisiranno? È giusto pensare ancora in termini di professioni? Quali trasformazioni nell'organizzazione del lavoro dovranno saper affrontare i giovani? Quali timori e auspici hanno per il loro futuro? Quali saranno le conseguenze a livello di stress e tempo libero per i bambini e i giovani? Per i prossimi anni la CFIG ha deciso di porre l'accento su questo tema complesso che verosimilmente sarà una delle priorità della politica e animerà il dibattito pubblico, un tema di cui è essenziale capire la posta in gioco sin da oggi.

L'impegno della CFIG in relazione a questa problematica fondamentale sarà ovviamente accompagnato da una forte presenza per quanto concerne altre preoccupazioni essenziali e spesso costanti, come la protezione dell'infanzia, l'evoluzione dei modelli familiari, la partecipazione dei giovani alle decisioni che li riguardano, l'accoglienza dei minori migranti o la crescente precarizzazione di una parte della gioventù.

Sotto la guida del suo nuovo presidente, Sami Kanaan, membro dell'esecutivo della città di Ginevra, responsabile del Dipartimento della cultura e dello sport, la Commissione federale per l'infanzia e la gioventù ha ridato lustro al suo sito www.cfig.ch. La pagina web permette ora di accedere più facilmente ai rapporti che presentano la prospettiva di bambini e giovani su vari temi, come il consumo, il diritto di essere sentiti o la sessualità.


Sito internet: www.cfig.ch